Quali sono le maggiori sfide alla leadership che devono affrontare i dirigenti delle start-up in fase iniziale in crescita in qualsiasi settore?

La più grande sfida è che molti di loro non riconoscono il valore della leadership trasformazionale. Molti stanno ancora operando secondo il vecchio stile di comando “comando e controllo”.

Quando guidi una start-up, riconosci che quelli che stai guidando potrebbero avere idee migliori, soluzioni migliori e un maggiore senso di innovazione: la tua sfida è quella di lasciar andare l’ego e far emergere il meglio nelle persone che conduci . Non è difficile e probabilmente i risultati ti stupiranno!

La leadership consiste nel creare un ambiente in cui le persone siano motivate a trarre il meglio da se stesse. Più facile a dirsi che a farsi. Molti grandi nomi sono venuti nel campo della leadership personale e professionale.

Alcuni dei grandi nomi nel campo della leadership professionale sono i seguenti: –

  1. Napolean Hill
  2. Earl Nightingale
  3. Lloyd Conant
  4. Simon Sinek
  5. Graham Moore

Se stai cercando di sviluppare capacità di leadership per

  1. Creare relazioni salutari e significative con dipendenti e colleghi
  2. Aumentare la produttività dei tuoi dipendenti
  3. O per fidelizzare le persone migliori in modo che la tua attività cresca a passi da gigante, ti consiglio vivamente di seguire la formazione di coaching dei dirigenti di Graham Moore.

Puoi saperne di più su di lui da qui: -http: //www.mooreonleadership.com/

Alcune delle maggiori sfide alla leadership affrontate dai dirigenti delle start-up sono:

1. Semplifica le informazioni e le idee del mercato in risultati mirati
– essere aperto con le informazioni ma spietato nella definizione delle priorità. sii decisivo, mantienili concentrati in modo che il team possa eseguire rapidamente.

2. Pianificare correttamente l’esecuzione di tali priorità.
– non essere sciatto con l’esecuzione delle priorità – fallo nel giusto ordine e. cosa viene fatto prima di ciò che conta molto.

3. Assumi prima di aver bisogno di persone, ma non troppo.
– Assumi sempre i principianti, ti restituiscono il tempo. gli altri tipi ti fanno perdere tempo.

4. Investi nell’inserimento di nuove persone.
– trascorrere del tempo in percorsi dettagliati su obiettivi / metodi e cultura dell’azienda. E li sfidano a contribuire.

5. Conserva la mentalità della “compagnia unica” man mano che ingrandisci.
– garantire che gli obiettivi e la cultura siano definiti a livello aziendale e che le priorità e le informazioni siano condivise settimanalmente a livello dell’intera azienda per evitare la “sindrome di dipartimentalizzazione”.

6. Mantenere le informazioni di “mercato” vicine ai decisori.
– i decisori non possono permettersi di diventare burocrati all’oscuro diventando a due passi da clienti, problemi e opportunità di mercato.

Imparare un’altra lingua
La comunicazione con dipendenti e cofondatori, oltre a ispirare le persone a contribuire alla tua causa, è importante e sicuramente non facile. Di recente abbiamo pubblicato un ottimo post su questo sul nostro blog: